Funny Friday/3

An old man in Phoenix calls his son in New York and says, “I hate to ruin your day, but I have to tell you that your mother and I are divorcing; forty-five years of misery is enough.”

“Pop, what are you talking about,” the son screams.

“We can’t stand the sight of each other any longer,” the old man said. “We’re sick and tired of each other, and I’m sick of talking about this, so you call your sister in Chicago and tell her.” And he hangs up.

Frantic, the son calls his sister, who explodes on the phone, “Like heck they’re getting a divorce,” she shouts. “I’ll take care of this.” She calls Phoenix immediately, and screams at the old man, “You are NOT getting divorced! Don’t do a single thing until I get there. I’m calling my brother back and we’ll both be there tomorrow. Until then don’t do a thing, DO YOU HEAR ME?” And she hangs up.

The old man hangs up his phone and turns to his wife.

“Okay,” he says, “They’re coming for Thanksgiving and paying their own way!!”

Thanks, LJ.

Annunci

Funny Friday/2

Proudly showing off his new apartment to a couple of his friends late one night, the drunk led the way to his bedroom where there was a big brass gong.

“What’s that big brass gong for?” one of the guests asked.

“It’s not a gong. It’s a talking clock,” the drunk replied.

“A talking clock? Seriously?” asked his astonished friend.

“Yup,” replied the drunk.

“How’s it work?” the second guest asked, squinting at it.

“Watch,” the man said. He picked up a hammer, gave it an ear shattering pound and stepped back.

The three stood looking at one another for a moment. Suddenly, someone on the other side of the wall screamed,”You friggin’ IDIOT!…it’s ten past three in the morning!”

Thanks, LJ!

Fun Friday/1

A blonde walks into a bank in New York City and asks for the Loan officer.
She says she’s going to Europe on business for two weeks and needs to borrow $5,000.

The bank officer says the bank will need some kind of security for the loan, so the blonde hands over the keys to a new Mercedes Benz.

The car is parked on the street in front of the bank, she has the title and everything checks out. The bank agrees to accept the car collateral for the loan.

The bank’s president and its officers all enjoy a good laugh at the blond for using a $110,000 Benz as collateral against a $5,000 loan.

An employee of the bank then proceeds to drive the Benz into the bank’s underground garage and parks it there. Two weeks later, the blonde returns, repays the $5,000 and the interest, which comes to $15.41.

The loan officer says, “Miss, we are very happy to have had your business, and this transaction has worked out very nicely, but we are a little puzzled. While you were away, we checked you out and found that you are a multimillionaire. So, why would you bother to borrow $5,000?”

The blonde replies, “Where else in New York City can I park my car for two weeks for only $15.41 and expect it to be there when I return?”

Aha. Finally, a smart blonde joke. Thanks, LJ!

Vite di uomini non illustri e neppure esistiti, per quanto/5

Odonto Leone non aveva mai avuto neanche la possibilità di perdonare i propri sventurati genitori. Perchè erano morti entrambi quando lui non era che un bambino. Neppure i nonni avevano potuto far fronte alle sue legittime perplessità. La ri_lettura del testamento del padre, alla quale aveva obbligato – raggiunta la maggiore età – il vecchio notaio Carolli, non aveva risolto nulla. Odonto. Ma che razza di nome col quale battezzare un neonato! Dopo un’infanzia terribile – il momento dell’appello in classe era talmente odioso che Odonto procurava di arrivare a scuola puntualmente in ritardo, accumulando una serie interminabile di richiami – e un’adolescenza passata più che altro in palestra ad imparare a tirar pugni che facessero effetto, e subito, Odonto si era fidanzato con l’unica che non gli avesse chiesto sogghignando un appuntamento per la pulizia dei denti. Ma non era durata, la storia: come un’otturazione in amalgama, si era ossidata subito.

Aveva studiato per diventare medico, Odonto, ma – per una ragione o per l’altra che ignoriamo per l’omissione di dettagli fondamentali – aveva invece finito per scegliere di seppellirsi nella piccola stazione ferroviaria del paese, dove era capostazione e tutto il resto, dato che non c’era che lui al quale chiedere biglietti, informazioni e orari. Il mestiere gli lasciava tutto il tempo necessario a dedicarsi anima mente e denti alla sua passione: recitare. Fingere di essere qualcun altro per dimenticare la propria odontità. La filodrammatica del paese sotto la sua guida aveva cambiato faccia: lui aveva selezionato gli attori e le attrici, scelto i copioni, adattato i dialoghi, trovato un pittore in gamba per allestire le scenografie. Ogni fine del mese, però, bisognava mettere in scena uno spettacolo nuovo. Odonto obbligava maestre e infermieri, panettieri e contadine, parrucchiere e commessi a provare e riprovare le proprie battute, ovunque: sull’autobus diretto a scuola, sotto il casco per la messimpiega, davanti al forno in attesa della perfetta cottura dei biscotti. Una maestra fu sopresa a dettare il Sogno di Una Notte di Mezza Estate agli scolari di terza. Nessuno poteva sfuggire alla furia creativa di Odonto: lui cercava la perfezione. Una sera di novembre, mentre la nebbia saliva dal fiume e trasformava i rami degli alberi in fantasmi, la porta del teatrino della scuola si aprì con un cigolio, reso più inquietante dal fatto che si stesse provando Il Fantasma dell’Opera. Tutti si voltarono verso l’ingresso. Il cappuccio fradicio di umidità scendendo liberò i riccioli biondi del medico del paese, la dottoressa Mella: aveva sostituito il vecchio dottor Diletto che era andato finalmente in pensione, salvando la vita a un sacco di gente. Terno! pensò Odonto riconoscendola: perchè gli altri due medici condotti erano già lì a esercitarsi. Afferrato un copione (fotocopie gentilmente offerte dalla Cartoleria La Matitona) la dottoressa Mella – “solo il cognome, per favore” – si immerse nella lettura. Odonto le diede la battuta. E lei rispose. Nel libero adattamento di Odonto del Fantasma ad un sublime finale che vedeva il trionfo dell’amore, le labbra di Erik/Raoul/Odonto incontravano finalmente quelle di Christine/Mella. E quando si staccarono in cerca d’aria, il teatrino era vuoto. Davanti a un rosso frizzante nell’unica osteria del paese ancora aperta a quell’ora, Odonto raccontò gran parte della propria vita alla dottoressa e ai suoi occhi color cioccolato. Si fermò per decenza appena gli sbadigli dell’oste si fecero sonori. Sull’uscio, afferrandole possessivamente la mano, Odonto le sussurrò sorridendo: “Non so neppure il tuo nome. Devi proprio dirmelo, almeno per scriverlo sulla locandina dello spettacolo. Avanti, non sarà mai peggio del mio.” Le fossette sulle guance della dottoressa Mella erano più deliziose e invitanti che mai. “Peggio, magari no. Uguale invece sì…visto che mi hanno battezzato Iatra.”